Notizie dalla Liguria

Liguria, in molti rinunciano alle cure a causa di liste d’attesa snervanti e ticket

Liguria, in molti rinunciano alle cure a causa di liste d’attesa snervanti e ticket

Il Rapporto 2015 sul Federalismo in Sanità disegna un quadro italiano e regionale con molte ombre

venerdì 18 marzo 2016

E’ un quadro con poche luci e molte ombre quello disegnato dal Rapporto 2015 dell’Osservatorio Civico sul Federalismo in Sanità, prodotto dal Tribunale per i Diritti del Malato-Cittadinanzattiva e presentato in questi giorni alla stampa. Rapporto in cui si sottolinea che oltre 4 milioni di italiani rinunciano, per colpa di ticket e liste d’attesa, a curarsi come dovrebbero: rinuncia dettata da motivi economici e difficoltà d’accesso alle prestazioni;  una tendenza acuita drammaticamente nel Sud del Paese.

Più in dettaglio, prendendo a riferimento alcune “voci”

ATTESE SNERVANTI E TICKET

In Italia, un cittadino su 4, fra gli oltre 26mila che hanno chiesto l’intervento del Tribunale per i Diritti del Malato nel corso del 2015, lamenta problemi nell’accedere alle prestazioni sanitarie a causa di attese molto lunghe e in ragione degli esborsi collegati ai ticket.

A sollevare proteste per la tempistica snervante di visite ed esami sono i residenti di molti distretti territoriali tra cui la Liguria, assieme a Calabria, Friuli Venezia Giulia, Marche, Sicilia, Veneto e Provincia Autonoma di Trento e Bolzano.

Mentre per quel che riguarda il livello di compartecipazione dei singoli cittadini ai ticket regionali – parliamo di strutture pubbliche – questo parametro tra il 2013 il 2014 ha seguito un vero e proprio andamento a macchia di leopardo: è diminuito solo in poche realtà geografiche; accanto alla Liguria, compaiono Sicilia, Piemonte, Provincia Autonoma di Trento e Bolzano.

STANDARD OSPEDALIERI

Distonie si registrano altresì nel Regolamento sugli Standard Ospedalieri, specie nella media dei giorni di degenza per le acuzie (il riferimento da rispettare è pari a 7): risultano allineati Piemonte, Toscana, Valle D’Aosta e Marche. La Liguria arriva a 7.63, molto vicina al Friuli Venezia Giulia (7.58).

PREVENZIONE

Differenze evidenti pure sul fronte della prevenzione: su 16 Regioni messe sotto lente dal Ministero della Salute nel 2013, la metà di esse è rispondente alle indicazioni date (Liguria, Lombardia, Marche, Toscana, Umbria e Veneto) ma tra queste, 3 “tornano indietro” nel confronto con il 2012: Liguria, Basilicata e Veneto.

VACCINAZIONI

Per la Liguria va meglio l’esame del capitolo “Vaccinazioni obbligatorie infantili” (il 95%), assieme a Piemonte, Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Provincia Autonoma di Trento e Bolzano, Valle d’Aosta.

SCREENING ONCOLOGICI

Nel 2013 sono stati spediti più di 11 milioni d’inviti per la partecipazione a 3 programmi di screening oncologico: mammografico, colon-rettale e cervicale. Purtroppo l’invito è stato accolto da meno della metà delle persone contattate. Sullo screening mirato all’individuazione di tumori alla mammella, molte regioni registrano percentuali al di sotto della media nazionale in termini di copertura: accanto al Sud spiccano Liguria, Marche, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Umbria.

Rate this article:
No rating

Number of views (37140)/Commenti (0)

Please login or register to post comments.

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Notizie Aiop Nazionale

6

ago

2020

2° Bilancio sociale aggregato

Una nuova “fotografia” della capacità e potenzialità delle nostre aziende di essere centri di produzione di ricchezza e di benefici sociali e culturali

Dopo la positiva esperienza dello scorso anno (il 1° Bilancio Sociale è disponibile al seguente link https://bit.ly/1bilanciosociale), che ha comportato anche importanti e positive ricadute mediatiche, crediamo più che mai opportuno comunicare e rendicontare l’importanza del contributo al SSN da parte della componente di diritto privato, con particolare attenzione agli esiti della sua attività, sia rispetto alla dimensione economica, sia rispetto all’impatto sociale e ambientale.

23

lug

2020

Ridurre le liste d’attesa

La componente di diritto privato del SSN disponibile e pronta ad aumentare i ricoveri fino al 60% e le prestazioni ambulatoriali fino al 90%

Le strutture della componente di diritto privato del Servizio Sanitario Nazionale sarebbero in grado, da subito, di incrementare i ricoveri da un minimo del 40 a un massimo del 60 e le prestazioni di carattere ambulatoriale da un minino del 45 a un massimo del 90 rispetto agli attuali livelli di erogazione. La variabilità delle percentuali di incremento dipende, ovviamente, dalla situazione delle singole regioni ma, in generale, su tutto il territorio nazionale, questa disponibilità potrebbe contribuire a una notevole riduzione delle liste d’attesa.

2

lug

2020

È il momento di progettare la sanità del futuro

Un’esperienza dalla quale trarre insegnamenti, che devono essere utili a tutti.
Dobbiamo guardare con questo atteggiamento alla fase più critica dell’emergenza Covid-19 : una sfida inedita e drammatica, che ha messo a dura prova il nostro SSN. Per quanto attiene la componente di diritto privato del SSN, l’insegnamento appreso non è altro che la conferma di quanto già sapevamo e che è sancito dal nostro ordinamento: il Sistema Sanitario Nazionale è uno solo, composto da due diverse anime. L’unità del SSN è la premessa imprescindibile sulla quale costruire il futuro della nostra sanità.

30

apr

2020

Con il nostro contributo sono state salvate migliaia di vite

Intervista a Barbara Cittadini, Presidenza nazionale Aiop

RSS
12345678910Ultimo